Dl Relanzamiento, información para familias, trabajadores y empresas.


Medidas para los negocios y la economía.

CONTRIBUCIÓN CON EL FONDO PERDIDO (Art. 25)
  1. Sujetos beneficiarios Personas que realizan actividades comerciales y de trabajo por cuenta propia, titulares del IVA, incluidas las empresas que realizan actividades agrícolas o comerciales, incluso en forma de empresa cooperativa, con una facturación en el último período fiscal de menos de 5 millones de euros.
    En cualquier caso, no corresponde a los sujetos cuya actividad ha cesado en la fecha de presentación de la solicitud, a los organismos públicos, a los sujetos mencionados en el artículo 162-bis del texto consolidado del impuesto sobre la renta y a los contribuyentes que tienen derecho a la percepción de los subsidios previstos en los artículos 27 (indemnización profesional y laboral con relación de colaboración coordinada y continua), y 38 (subsidio de trabajadores de entretenimiento) del Decreto Legislativo 18/2020, convertido, con modificaciones, por la ley no. 27/2020, así como a los empleados y profesionales registrados en las entidades de derecho privado de la seguridad social obligatoria.
  2. Requisitos La contribución no reembolsable se debe pagar siempre que la cantidad de facturación y tarifas para abril de 2020 sea inferior a dos tercios de la cantidad de facturación y tarifas para abril de 2019.
    La contribución antes mencionada también se debe en ausencia de estos requisitos a los sujetos que comenzaron la actividad a partir del 1 de enero de 2019, así como a los sujetos que, a partir del inicio del evento calamitoso, tienen su domicilio fiscal o sede operativa en el territorio de municipios afectados por los eventos mencionados cuyos estados de emergencia aún estaban en curso en la fecha de la declaración del estado de emergencia Covid-19.
  3. Monto de la contribución El monto de la contribución se determina como un porcentaje de la diferencia encontrada entre la cantidad de facturación y tarifas para abril de 2020 y la cantidad de facturación y tarifas para abril de 2019 de la siguiente manera: 20% para sujetos con ingresos o tasas que no excedan de cuatrocientos mil euros en el último período impositivo; 15% por ciento para sujetos con ingresos u honorarios de más de cuatrocientos mil euros y hasta un millón de euros en el último período impositivo; 10% para sujetos con ingresos o comisiones de más de un millón de euros y hasta cinco millones de euros en el último período impositivo.
    No obstante, se reconoce el importe de la contribución no reembolsable por un importe no inferior a mil euros para particulares y dos mil euros para sujetos distintos de personas físicas.
    La contribución no contribuirá a la formación de la base imponible de los impuestos sobre la renta y no contribuirá a la formación del valor de la producción neta.
  4. Cómo solicitarlo Para obtener la contribución no reembolsable, las partes interesadas presentan, también a través de un intermediario, dentro de los sesenta días a partir del inicio del procedimiento electrónico específico, una solicitud a la Agencia Tributaria con la indicación de la existencia de los requisitos.
    Los procedimientos para llevar a cabo la solicitud, su contenido de información, los términos para presentar la solicitud serán definidos por disposición del director de la agencia de ingresos.
  5. Provisión La contribución no reembolsable es pagada por la Agencia Tributaria mediante acreditación directa a un banco o cuenta corriente postal a nombre del beneficiario.
EXENCIÓN DE PAGO IRAP (Art. 24)
  1. Requisitos y beneficiarios El decreto de relanzamiento establece la exención del pago del saldo de IRAP con vencimiento para 2019 y la primera cuota, igual al 40 por ciento, del anticipo de IRAP con vencimiento en 2020 para empresas y trabajadores independientes con ingresos / compensación no superior a 250 millones de euros en el período fiscal anterior al en curso en la fecha de entrada en vigor del decreto ley. La obligación de pagar anticipos para el período impositivo de 2019 no se ve afectada. Sin embargo, el monto no pagado a cuenta se excluye del cálculo del impuesto a pagar en el saldo en 2021.
    Los bancos y otras instituciones y compañías financieras, compañías de seguros y administraciones y organismos públicos están excluidos de la concesión.
CRÉDITO TRIBUTARIO Y FORTALECIMIENTO DE CAPITAL DE LAS EMPRESAS DE MEDIANO MEDIO (Art. 26)
  1. Beneficiarios y requisitos comerciales. Se fomenta el fortalecimiento del capital de las empresas medianas, con la provisión de deducibles para personas físicas y deducibles para personas jurídicas, para 2020, del 20% de la suma invertida por el contribuyente en el capital social de una o más sociedades anónimas, limitado para acciones, responsabilidad limitada, también simplificada, cooperativa, con domicilio social en Italia, que no operan en el sector bancario, financiero o de seguros y que cumplen o cumplen los siguientes requisitos: presentar un monto de ingresos de 2019 entre 5 y 50 millones; ha sufrido, debido a la emergencia epidemiológica de COVID-19 en los meses de marzo y abril de 2020, una reducción general en la cantidad de ingresos en comparación con el mismo período del año anterior en un grado no inferior al 33%; ha resuelto y ejecutado después de la entrada en vigor del decreto ley y antes del 31 de diciembre de 2020 un aumento de capital social pagado y totalmente pagado; se encuentra en una situación de regularidad tributaria, contributiva y en el campo de la construcción y la legislación de planificación urbana, prevención de accidentes y protección del medio ambiente.
  2. Crédito fiscal para inversores La inversión máxima de la contribución en efectivo para calcular el crédito fiscal del 20% no puede exceder los 2 millones de euros.
    La inversión de capital resultante de la transferencia debe mantenerse hasta el 31 de diciembre de 2023. La distribución de reservas, de cualquier tipo, antes de esta fecha por parte de la compañía sujeta a la contribución en efectivo implica la pérdida del beneficio y la obligación del contribuyente de devolver el 'importe deducido, junto con el interés legal.
    El crédito fiscal puede utilizarse en la declaración de impuestos relacionada con el período impositivo de la realización de la inversión y en los posteriores hasta que se complete su uso, a partir del décimo día siguiente a la presentación de la declaración. relativo al período de inversión, también en compensación.
    El crédito fiscal no contribuye a la formación de ingresos a los efectos del impuesto a las ganancias y al valor de la producción a los efectos ni al valor de la producción a los efectos de Irap y no registra a los efectos de la relación mencionada en los artículos 61 (deducibilidad de gastos por intereses) y 109, párrafo 5 (deducibilidad de componentes negativos) del TUIR.
    Las empresas que controlan directa o indirectamente a la empresa que realiza la transferencia, están sujetas a un control conjunto o están asociadas con ella o están controladas por ella, no pueden beneficiarse del crédito fiscal.
  3. Crédito fiscal para empresas Tras la aprobación de los estados financieros para el año 2020, se reconoce a las mismas compañías un crédito fiscal equivalente al 50% de las pérdidas que exceden el 10% del patrimonio neto, bruto de las pérdidas mismas, hasta el 30% del aumento de capital y, en cualquier caso, dentro de los límites establecidos por el decreto (800,000 euros, o 120,000 euros para las empresas que operan en el sector de la pesca y la acuicultura o 100,000 euros para las empresas que operan en la producción primaria de productos agrícolas).
    La distribución de cualquier tipo de reserva antes del 1 de enero de 2024 por parte de la compañía implica la pérdida del beneficio y la obligación de devolver el monto, junto con el interés legal.
    El crédito fiscal se puede utilizar en compensación a partir del décimo día siguiente a la presentación de la declaración relativa al período de inversión.
    El crédito fiscal no contribuye a la formación de ingresos a los efectos del impuesto a las ganancias y al valor de la producción a los efectos ni al valor de la producción a los efectos de Irap y no registra a los efectos de la relación mencionada en los artículos 61 (deducibilidad de gastos por intereses) y 109, párrafo 5 (deducibilidad de componentes negativos) del TUIR.
  4. Criterios, métodos de aplicación y uso del crédito fiscal. Por decreto del Ministro de Economía y Finanzas, que se adoptará dentro de los treinta días a partir de la fecha de entrada en vigor del decreto ley, se establecen los criterios y métodos de aplicación y uso del crédito fiscal.
FONDO DE ACTIVOS PMI (Art. 26)
  1. Sujetos beneficiarios Sociedad anónima, sociedad limitada, sociedad de responsabilidad limitada, también simplificada, cooperativa, con domicilio social en Italia, que no operan en el sector bancario, financiero o de seguros y que cumplen o cumplen los siguientes requisitos: presentar una cantidad de ingresos de 2019 entre los 10 y 50 millones; han sufrido, debido a la emergencia epidemiológica del COVID-19 en los meses de marzo y abril de 2020, una reducción general en la cantidad de ingresos en comparación con el mismo período del año anterior en un grado no inferior al 33%; hayan resuelto y ejecutado después de la entrada en vigor del decreto ley de relanzamiento y antes del 31 de diciembre de 2020 un aumento de capital social pagado y totalmente pagado; se encuentran en una situación de regularidad tributaria y contributiva y en el campo de la construcción y la legislación de planificación urbana, prevención de accidentes y protección del medio ambiente; El número de empleados es inferior a 250 personas.
  2. Objetivo del fondo El «Fondo de Patrimonio PMI» tiene como objetivo suscribir, antes del 31 de diciembre de 2020 y dentro de los límites de los activos del Fondo, bonos recién emitidos o títulos de deuda emitidos por compañías por un monto máximo igual al monto menor entre tres veces el importe del aumento de capital realizado en 2020 y el 12,5% del importe de los ingresos de 2019.
    Los instrumentos financieros se canjean después de seis años a partir de la suscripción. La compañía emisora ​​puede canjear los valores antes de los tres años de la suscripción.
    Los intereses se acumulan anualmente y se pagan en una sola cuota en la fecha de reembolso.
  3. Gestión de fondos y acceso a la instalación. La gestión del Fondo está a cargo de la Agencia Nacional para la atracción de inversiones y el desarrollo de la empresa Spa – Invitalia, o para empresas totalmente controladas por él.
    Por decreto del Ministro de Economía y Finanzas, de acuerdo con el Ministro de Desarrollo Económico, se definen las características, condiciones y métodos de financiación e instrumentos financieros. El decreto también indica los objetivos a los cuales se le puede otorgar una reducción en el valor de rescate de los Instrumentos financieros.
PATRIMONIO DEL REANIMADO (Art. 27)
  1. Objetivos y tipo de intervenciones. Cassa Depositi e Prestiti S.p.a. (CDP) está autorizado a establecer un activo destinado, denominado "EQUIPO DE LIBERACIÓN", a través del cual el Ministerio de Economía y Finanzas realiza los activos y las relaciones legales, que pueden dividirse en sectores y cuyos recursos se utilizarán para el apoyo y El relanzamiento del sistema económico productivo italiano, de conformidad con el marco normativo de la Unión Europea sobre ayudas estatales adoptado para hacer frente a la emergencia epidemiológica del COVID-19 o en condiciones de mercado.
    Preferiblemente, el Capital Asignado realiza sus intervenciones suscribiendo préstamos de bonos convertibles, participando en aumentos de capital, comprando acciones que cotizan en el mercado secundario en caso de operaciones estratégicas. Para la financiación de los activos de los activos destinados o de los subfondos individuales, se permite la emisión de bonos u otros instrumentos financieros de deuda.
  2. Sujetos beneficiarios Las intervenciones se referirán a sociedades anónimas, también con acciones que cotizan en mercados regulados, incluidas las establecidas en forma cooperativa, que tienen su domicilio social en Italia, no operan en el sector bancario, financiero o de seguros y tienen una facturación anual de más de 50 millones. EUR.
  3. Requisitos de acceso, condiciones, criterios y métodos de intervención. Los requisitos de acceso, condiciones, criterios y métodos de las intervenciones del Patrimonio Destinado se definen por decreto del Ministro de Economía y Finanzas, después de escuchar al Ministro de Desarrollo Económico.
CRÉDITO TRIBUTARIO PARA ALQUILERES (Art. 28)
  1. Sujetos beneficiarios Para sujetos dedicados a negocios, arte o profesión, que hayan sufrido en los meses de marzo, abril y mayo una disminución en el volumen de negocios o tarifas de al menos 50% en comparación con el mismo mes del período fiscal anterior y, excluyendo el Las instalaciones del hotel, con ingresos / tarifas que no superen los 5 millones de euros en el período fiscal anterior, tienen derecho a un crédito fiscal del 60% del monto mensual del alquiler, arrendamiento o concesión de propiedades para su uso no residencial destinado a la realización de actividades industriales, comerciales, artesanales, agrícolas, relacionadas con el turismo o para el ejercicio habitual y profesional del trabajo por cuenta propia.
    Los hoteles y las instalaciones de agroturismo pueden aprovechar el crédito fiscal independientemente del volumen de ingresos y tarifas registrado en el período fiscal anterior.
    El crédito fiscal también se debe a entidades no comerciales, incluidas entidades del tercer sector y entidades religiosas reconocidas civilmente, en relación con las tarifas de alquiler, arrendamiento o concesión de propiedades para uso no residencial destinadas a actividades institucionales.
    En el caso de contratos de servicios complejos o contratos de alquiler de empresas, que incluyen al menos una propiedad para uso no residencial destinada a actividades industriales, comerciales, artesanales, agrícolas, de interés turístico o para el ejercicio habitual y profesional del trabajo por cuenta propia, es el 30% de las tarifas relacionadas.
  2. Monto de crédito. La bonificación es proporcional a la cantidad pagada en el período impositivo 2020 con referencia a cada uno de los meses de marzo, abril y mayo y para el alojamiento turístico con solo actividades estacionales con referencia a cada uno de los meses de abril, mayo y junio.
    El crédito fiscal se puede utilizar en la declaración de impuestos relacionada con el período impositivo para incurrir en el gasto o en compensación después de que se haya efectuado el pago de los honorarios. El crédito fiscal no contribuye a la formación de ingresos a efectos del impuesto sobre la renta y el valor de la producción a efectos de IRAP y no registra a efectos de la relación mencionada en los artículos 61 y 109, párrafo 5, del TUIR.
    El bono no se puede combinar con el crédito fiscal mencionado en el art. 65 del Decreto Legislativo 18/2020 convertido con enmiendas por la Ley 27/2020 (Crédito fiscal para tiendas y comercios) en relación con los mismos gastos incurridos.
  3. Fruición. Una provisión de ingresos definirá los métodos de implementación.
CUENTAS (Art. 29)
  1. Reducción de los cargos de la factura de electricidad. Reducción del gasto incurrido por servicios eléctricos conectados de baja tensión que no sean de uso doméstico, con referencia a los elementos de la factura de servicios públicos identificados como "transporte y gestión de medidores" y "cargos generales del sistema". La Autoridad Reguladora de energía, redes y medio ambiente redefine las tarifas de distribución y medición de electricidad, así como los componentes para cubrir los cargos generales, sin pagar tarifas adicionales para los usuarios involucrados y de forma temporal y de conformidad con el límite de gasto. sistema, para los meses de mayo, junio y julio de 2020.
INICIO INNOVADOR (Art. 38)
  1. Smart & Start Italy Para el fortalecimiento, en todo el territorio nacional, de las intervenciones en favor de nuevas empresas innovadoras, a la medida mencionada en el decreto del Ministro de Desarrollo Económico de 24 de septiembre de 2014, publicado en el Diario Oficial de la República Italiana no. 264, de 13 de noviembre de 2014, se destinan recursos adicionales de 100 millones de euros para 2020 a la refinanciación de las concesiones otorgadas en forma de financiación subvencionada. Además, la contribución no reembolsable, equivalente al 30% de la hipoteca, prevista para las nuevas empresas innovadoras del cráter sísmico Aquila se extiende a las nuevas empresas innovadoras del cráter sísmico del centro de Italia.
  2. Subsidios Para apoyar nuevas empresas innovadoras, también a través de nuevas acciones destinadas a facilitar el encuentro entre las propias empresas y los ecosistemas para la innovación, para el año 2020 se asignan 10 millones de euros para la concesión de subvenciones en forma de subvenciones. perdido destinado a la adquisición de servicios prestados por incubadoras, aceleradores, centros de innovación, business angels y otros sujetos públicos o privados que operan para el desarrollo de empresas innovadoras.
    Las condiciones, métodos y términos se definen por decreto del Ministro de Desarrollo Económico, que se adoptará dentro de los 60 días a partir de la fecha de entrada en vigor del decreto de relanzamiento.
  3. Fondo de apoyo de capital de riesgo Se asignan recursos adicionales de 200 millones de euros para el año 2020 al Fondo de Apoyo de Capital de Riesgo con el propósito de apoyar inversiones en capital, incluso mediante la suscripción de instrumentos financieros participativos, así como a través de la provisión de préstamos subsidiados, la suscripción de bonos convertibles u otros instrumentos financieros de deuda que brinden la posibilidad de reembolso de la contribución realizada, en beneficio exclusivo de nuevas empresas innovadoras y PYME innovadoras.
    Con el decreto del Ministro de Desarrollo Económico, que se adoptará dentro de los 60 días a partir de la fecha de entrada en vigor del decreto de relanzamiento, se identifican los métodos de implementación de las facilidades.
  4. Sección especial del registro mercantil, extensión de plazos. El plazo de permanencia en la sección especial del registro de empresas de startups innovadoras se extiende por 12 meses. Todos los términos previstos bajo pena de pérdida de acceso a incentivos públicos y para la revocación de los mismos se extienden por 12 meses. La extensión de la estadía en la sección especial del registro de empresas no afecta el uso de las contribuciones fiscales y de seguridad social previstas por la legislación vigente.
  5. Fondo de garantía para microcrédito A los efectos de la emisión de las garantías del Fondo a que se refiere el artículo 2, párrafo 100, letra a), de la ley de 23 de diciembre de 1996, no. 662, a favor de nuevas empresas innovadoras y PYME innovadoras, se reserva una parte de 200 millones de euros de los recursos ya asignados al Fondo, a los que las empresas mencionadas acceden en función de los métodos, vigentes de vez en cuando, incluidas las disposiciones aplicable de conformidad con el artículo 13 del decreto ley 8 de abril de 2020, n. 23)
  6. Régimen fiscal facilitado a favor de las personas que invierten en Startups o PYME innovadoras Se ha introducido un régimen fiscal subsidiado a favor de solo personas físicas que inviertan en nuevas empresas o PYME innovadoras: por las sumas pagadas al capital social de uno o más de estos sujetos, directamente o a través de organizaciones de ahorro colectivo de inversión que invierten principalmente en PYME innovadoras , se debe una deducción fiscal del 50%. La inversión máxima deducible no puede superar, en cada período impositivo, la cantidad de 100.000 euros y debe mantenerse durante al menos tres años; cualquier transferencia, incluso parcial, de la inversión antes del vencimiento de este plazo, implica la pérdida del beneficio y la obligación del contribuyente de devolver el monto deducido, junto con el interés legal.
    Por decreto del Ministro de Desarrollo Económico, de acuerdo con el Ministro de Economía y Finanzas, dentro de los sesenta días a partir de la entrada en vigor del Decreto de Relanzamiento, se identifican los métodos para implementar las facilidades.
  7. Establecimiento del primer fondo jugable El fondo para el entretenimiento digital llamado "Primer Fondo Jugable" se creó en el Ministerio de Desarrollo Económico, con una dotación inicial de 4 millones de euros para el año 2020, destinado a apoyar las fases de concepción y preproducción de los videojuegos. , necesarios para la realización de prototipos, a través del desembolso de subvenciones, reconocidos por el importe del 50% de los gastos elegibles, y por un importe de 10.000 euros a 200.000 euros por prototipo individual.
    Las subvenciones pagadas se otorgan tras la presentación de una solicitud por parte de las compañías que poseen la clasificación ATECO 58.2 o 62 y que tienen ciertos requisitos de admisión (domicilio social en el Espacio Económico Europeo; sujetos a impuestos en Italia debido a su residencia fiscal, o por la presencia de una oficina operativa en Italia, a la que se puede atribuir el prototipo; con un capital social mínimo totalmente pagado y un patrimonio neto de no menos de 10.000 euros, tanto en el caso de compañías creadas en forma de compañías de capital como en el caso de compañías producción individual o constituida en forma de asociaciones).
    La empresa beneficiaria debe hacer el prototipo del videojuego dentro de los 18 meses posteriores al reconocimiento de la admisibilidad de la solicitud por parte del Ministerio de Desarrollo Económico.
    Por decreto del Ministro de Desarrollo Económico, que se adoptará dentro de los sesenta días a partir de la fecha de entrada en vigencia del decreto de relanzamiento, se definen los siguientes: los procedimientos para presentar las solicitudes; los criterios para seleccionarlos; gastos elegibles; el método de desembolso de la contribución los métodos de verificación, control y reporte de gastos; Las causas de revocación y revocación.
FONDO DE TRANSFERENCIA TECNOLÓGICA (Art. 42)
  1. Establecimiento y funcionamiento del Fondo. El "Fondo para la transferencia de tecnología" se creó en el Ministerio de Desarrollo Económico, con una dotación de 500 millones de euros para el año 2020. El fondo está destinado a promover iniciativas destinadas a promover la colaboración de las entidades públicas y particulares en la implementación de proyectos de innovación y spin-off que pueden proporcionar la implementación, por parte del organismo implementador, del diseño, coordinación, promoción, estímulo a las actividades de investigación y desarrollo a través de la oferta de soluciones, procesos o productos tecnológicamente avanzados. actividades innovadoras para fortalecer las estructuras y difundir resultados de investigación, consultoría y capacitación técnico-científica, así como actividades de apoyo para el crecimiento de nuevas empresas y PYME con alto potencial innovador.
    El Ministerio de Desarrollo Económico, en función de la disponibilidad del fondo, está autorizado a intervenir mediante la participación indirecta en el riesgo y el capital de deuda, también de naturaleza subordinada, de conformidad con la normativa europea sobre ayudas estatales o con las disposiciones vigentes. asignación de contratos públicos o colaboración entre administraciones públicas que puedan ser aplicables. Para la implementación de las intervenciones, el Ministerio utiliza ENEA (Agencia Nacional de nuevas tecnologías, energía y desarrollo sostenible).
    Por decreto del Ministro de Desarrollo Económico, en consulta con el Ministro de Economía y Finanzas, que se adoptará dentro de los 60 días de la entrada en vigor del decreto de relanzamiento, las posibles intervenciones, criterios, métodos y condiciones para el participación indirecta en riesgo y capital de deuda a que se refiere este párrafo.
APOYO A LAS EMPRESAS DE DISTRIBUCIÓN DE COMBUSTIBLE MICRO, PEQUEÑAS Y MEDIAS EN LA AUTOPISTA (Art. 40)
  1. Requisitos del beneficiario. A las microempresas y pequeñas y medianas empresas con sede en Italia, que gestionan el servicio de distribución de combustible de autopistas, que estaban activas y cumplían con el pago de las contribuciones de seguridad social y asistencia social el 1 de marzo de 2020, en consideración al mantenimiento del servicio durante el período de emergencia de salud a pesar de una caída considerable en la demanda de combustible, se puede reconocer una contribución proporcional a las contribuciones de seguridad social y bienestar, hasta un total de 4 millones de euros para 2020, con la exclusión de las primas para seguro de accidentes obligatorio, pagadero por los empleadores, adeudado sobre los salarios pagados en marzo, abril y mayo de 2020.
    La contribución no se reconoce en casos de gestión directa de los sistemas de distribución de combustible en la carretera por parte de las compañías petroleras integradas en la refinación y gestión unitaria de las actividades petroleras y de restaurantes.
    La contribución es pagada por el Ministerio de Desarrollo Económico a solicitud de la compañía administradora, a través de una asignación proporcional de los recursos disponibles entre las solicitudes elegibles.
    Con la disposición del Ministerio, se identifican los métodos y la fecha límite para presentar solicitudes y los procedimientos para otorgar la contribución.
TÍTULOS DE EFICIENCIA ENERGÉTICA – CERTIFICADOS BLANCOS (Art. 41)
  1. Extensión de plazos. El plazo del 15 de abril de 2020 previsto en el artículo 103, párrafo 1, del Decreto Legislativo 18/2020, convertido con enmiendas por la Ley 27/2020, tal como se extiende por el artículo 37, párrafo 1, del Decreto Legislativo 23/2020, se amplía aún más 30 de noviembre de 2020. En consecuencia, para el año de la obligación 2019, se publicó la emisión de Certificados Blancos que no se derivan de la implementación de proyectos de eficiencia energética a que se refiere el artículo 14-bis del decreto del Ministro de Desarrollo Económico del 11 de enero de 2017. en el Boletín Oficial de la República Italiana el 3 de abril de 2017, n. 78, se ejecuta desde el 15 de noviembre de 2020.
FONDO PARA LA SALVAGUARDIA DE LOS NIVELES DE EMPLEO Y LA CONTINUACIÓN DE LA ACTIVIDAD EMPRESARIAL (Art. 43)
  1. Establecimiento del fondo y operación. El Fondo para la salvaguardia de los niveles de empleo y la continuación de las actividades comerciales se crea en el Ministerio de Desarrollo Económico, con un presupuesto de 100 millones de euros para el año 2020.
    El Fondo está dirigido al rescate y la reestructuración de compañías que poseen marcas históricas de interés nacional y compañías de responsabilidad limitada, con un número de empleados no menor a 250, que se encuentran en un estado de dificultad económica y financiera, a través de intervenciones en la capital. de riesgo empresarial.
    El decreto del Ministro de Desarrollo Económico, después de consultar al Ministro de Trabajo y Políticas Sociales, establece los criterios y métodos para administrar y operar el Fondo, así como los procedimientos para acceder a las intervenciones relacionadas.
EXTENSIÓN DE TÉRMINOS (Artículos 50, 51, 52)
  1. Ampliación del plazo para la entrega de nuevos bienes de capital con el fin de aumentar la depreciación Teniendo en cuenta la situación de emergencia de covid-19, la fecha límite del 30 de junio de 2020 prevista en el artículo 1 del decreto ley de 30 de abril de 2019, no. 34, convertido, con enmiendas, por ley del 28 de junio de 2019, n. 58, se prorroga hasta el 31 de diciembre de 2020.
  2. Ampliación de los plazos de los programas para la ejecución de procedimientos administrativos extraordinarios. Los plazos para ejecutar los programas de las empresas admitidas en el procedimiento extraordinario de administración, incluso si ya se han extendido, que expiran después del 23 de febrero de 2020, se extienden por seis meses.
  3. Compañías aeroespaciales En relación con los préstamos otorgados de conformidad con la ley del 24 de diciembre de 1985, n. 808, los pagos de las tasas de restitución y regalías, que vencen en 2020, se suspenden y se realizan, sin intereses ni penalizaciones, en un solo pago antes del 31 de diciembre de 2021 o en cuotas de hasta un máximo de diez cuotas mensuales por el mismo monto al 31 de diciembre de 2021.
    Las porciones de los préstamos se desembolsan antes del 31 de julio de 2020 a las empresas para las cuales no hay incumplimientos con respecto al pago de las tasas de restitución y regalías adeudadas hasta el 31 de diciembre de 2019; a las empresas que cumplan estas obligaciones después de la fecha de entrada en vigor del decreto de relanzamiento y, en cualquier caso, antes del 30 de septiembre de 2020, dentro de los límites de la disponibilidad presupuestaria relativa, las acciones se pagan dentro de los tres meses posteriores al cumplimiento de las obligaciones
MEDIDAS DE APOYO PARA EMPRESAS PARA REDUCIR EL RIESGO DE CONTACTO EN LOS LUGARES DE TRABAJO (Art. 95)
  1. Contribuciones otorgadas por INAIL Con el fin de facilitar la implementación de las disposiciones del Protocolo para la regulación de las medidas para la contención y el contraste de la propagación del virus COVID-19 en el lugar de trabajo, INAIL promueve intervenciones extraordinarias para las empresas que han introducido en los lugares de trabajo, después de la fecha de entrada en vigor del Decreto de Cura Italia, intervenciones para reducir el riesgo de contagio mediante la compra de: equipos y equipos para el aislamiento o la autorización de los trabajadores, incluidos los costos de instalación relacionados; dispositivos electrónicos y sensores para la separación de trabajadores; equipos para el aislamiento o separación de trabajadores de usuarios externos y de empleados de compañías externas que suministran bienes y servicios; dispositivos para desinfectar lugares de trabajo; sistemas e instrumentación para el control de acceso en el lugar de trabajo útiles para detectar los indicadores de un posible estado de contagio; dispositivos y otros equipos de protección personal.
    El monto máximo que se puede otorgar a través de las intervenciones es de € 15,000 para empresas con hasta 9 empleados, € 50,000 para empresas con 10 a 50 empleados, € 100,000 para empresas con más de 50 empleados. Las intervenciones a las que se refiere este artículo son incompatibles con otros beneficios, también de naturaleza fiscal, en relación con los mismos costos elegibles.
    Para implementar las intervenciones mencionadas en este artículo, INAIL se transfiere a Invitalia S.p.A. recursos para el desembolso de contribuciones a empresas, en base a las pautas específicas formuladas por el Instituto.

Protección de los trabajadores y el equilibrio trabajo / familia.

INDEMNIDAD DE APOYO A LOS INGRESOS (Artículos 75, 78, 84, 85 y 98)
  1. Liberi professionisti e collaboratori coordinati continuativi (co.co.co) Ai Liberi professionisti e ai collaboratori coordinati continuativi (co.co.co) già beneficiari per il mese di marzo dell’indennità pari a 600 euro, viene automaticamente erogata dall'INPS un’indennità di pari importo anche per il mese di aprile 2020.
    Ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari già percettori del reddito di cittadinanza, per i quali l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità di sostegno al reddito, in luogo del versamento dell’indennità si procede ad integrare il beneficio del reddito di cittadinanza fino all’ammontare della stessa indennità dovuto in ciascuna mensilità.
  2. Liberi professionisti iscritti alla gestione separata INPS Ai liberi professionisti titolari di partita IVA e iscritti alla gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano subito comprovate perdite (riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020 rispetto a quello del secondo bimestre 2019), è riconosciuta una indennità per il mese di maggio 2020 pari a 1000 euro. A tal fine il soggetto deve presentare all’Inps la domanda nella quale autocertifica il possesso dei requisiti.
    Ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari già percettori del reddito di cittadinanza, per i quali l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità di sostegno al reddito, in luogo del versamento dell’indennità si procede ad integrare il beneficio del reddito di cittadinanza fino all’ammontare della stessa indennità dovuto in ciascuna mensilità.
  3. Lavoratori titolari di rapporti di co.co.co. iscritti alla gestione separata INPS Ai lavoratori titolari di rapporti di co.co.co. iscritti alla gestione separata INPS non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, aventi specifici requisiti, è riconosciuta un’indennità per il mese di maggio 2020 pari a 1000 euro.
    Ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari già percettori del reddito di cittadinanza, per i quali l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità di sostegno al reddito, in luogo del versamento dell’indennità si procede ad integrare il beneficio del reddito di cittadinanza fino all’ammontare della stessa indennità dovuto in ciascuna mensilità.
  4. Lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali AGO Ai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) già beneficiari per il mese di marzo 2020 dell’indennità pari a 600 euro viene erogata un’indennità di pari importo anche per il mese di aprile 2020.
    Ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari già percettori del reddito di cittadinanza, per i quali l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità di sostegno al reddito, in luogo del versamento dell’indennità si procede ad integrare il beneficio del reddito di cittadinanza fino all’ammontare della stessa indennità dovuto in ciascuna mensilità.
  5. Lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali Ai lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali già beneficiari per il mese di marzo 2020 dell’indennità pari a 600 euro viene erogata un’indennità di pari importo per il mese di aprile 2020 e di 1000 euro per il mese di maggio.
    La medesima indennità è riconosciuta ai lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nei medesimi settori, che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASPI, alla data di entrata in vigore della presente disposizione.
    Ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari già percettori del reddito di cittadinanza, per i quali l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità di sostegno al reddito, in luogo del versamento dell’indennità si procede ad integrare il beneficio del reddito di cittadinanza fino all’ammontare della stessa indennità dovuto in ciascuna mensilità.
  6. Lavoratori del settore agricolo Ai lavoratori del settore agricolo già beneficiari per il mese di marzo dell’indennità pari a 600 euro, è erogata per il mese di aprile 2020 un’indennità di importo pari a 500 euro.
    Ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari già percettori del reddito di cittadinanza, per i quali l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità di sostegno al reddito, in luogo del versamento dell’indennità si procede ad integrare il beneficio del reddito di cittadinanza fino all’ammontare della stessa indennità dovuto in ciascuna mensilità.
  7. Lavoratori dipendenti e autonomi Per i mesi di aprile e maggio è riconosciuta un’indennità, pari a 600 euro per ciascun mese, ai lavoratori dipendenti e autonomi (lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali; lavoratori intermittenti che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 31 gennaio 2020; lavoratori autonomi, privi di partita IVA e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie; incaricati alle vendite a domicilio) che in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID 19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro, sempre che non siano titolari di altro contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, diverso dal contratto intermittente e non siano titolari di pensione.
    Ai lavoratori appartenenti a nuclei familiari già percettori del reddito di cittadinanza, per i quali l’ammontare del beneficio in godimento risulti inferiore a quello dell’indennità di sostegno al reddito, in luogo del versamento dell’indennità si procede ad integrare il beneficio del reddito di cittadinanza fino all’ammontare della stessa indennità dovuto in ciascuna mensilità.
  8. Lavoratori iscritti al FPLS Ai lavoratori iscritti al Fondo lavoratori dello spettacolo, con almeno 30 contributi giornalieri versati nell'anno 2019 al medesimo Fondo, cui deriva un reddito non superiore a 50.000 euro, e non titolari di pensione, è erogata una indennità di 600 euro per ciascuno dei mesi di aprile e maggio 2020, sempre che non siano titolari di rapporto di lavoro dipendente o titolari di pensione alla data di entrata in vigore della norma.
    La medesima indennità viene erogata  per le predette mensilità anche ai lavoratori iscritti al FPLS con almeno 7 contributi giornalieri versati nel 2019, cui deriva un reddito non superiore ai 35.000 euro.
  9. Lavoratori dipendenti iscritti al Fondo Pensione Sportivi Professionisti I lavoratori dipendenti iscritti al Fondo Pensione Sportivi Professionisti con retribuzione annua lorda non superiore a 50.000 euro possono accedere al trattamento di integrazione salariale di cui all’articolo 22 del DL 18/2020 convertito con modificazioni dalla L 27/2020, limitatamente ad un periodo massimo di 9 settimane.
  10. Lavoratori domestici Si riconosce un’indennità, pari a 500 euro mensili, per i mesi di aprile e maggio 2020, in favore dei lavoratori domestici che al 23 febbraio 2020 avevano in essere uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva superiore a 10 ore settimanali, a condizione che non siano conviventi col datore di lavoro. L’indennità non è cumulabile con altre riconosciute per COVID-19 e non spetta ai percettori del reddito di emergenza (REM) o ai percettori del reddito di cittadinanza a determinate condizioni, ai titolari di pensione, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità e ai titolari di rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato diverso dal lavoro domestico. L’indennità è erogata dall’INPS in unica soluzione.
    Dal 25 maggio è attiva sul sito dell'INPS la procedura per la presentazione delle domande.
  11. Professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria Si riconosce anche per i mesi di aprile e maggio 2020 l’indennità di 600 euro riconosciuta nel mese di marzo per il sostegno del reddito dei professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria.
  12. Lavoratori sportivi Per i mesi di aprile e maggio 2020, è riconosciuta dalla società Sport e Salute S.p.A. un’indennità pari a 600 euro in favore dei lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione, già attivi alla data del 23 febbraio 2020, presso il Comitato Olimpico Nazionale (CONI), il Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI) e dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP), le società e associazioni sportive dilettantistiche.
    Le domande degli interessati sono presentate alla società Sport e Salute s.p.a. che le istruisce secondo l’ordine cronologico di presentazione.
    Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con l’Autorità delegata in materia di sport, da adottare entro 7 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto Rilancio, sono individuate le modalità di attuazione, di presentazione delle domande, i documenti richiesti e le cause di esclusione.
    Ai soggetti già beneficiari per il mese di marzo dell’indennità di cui all’articolo 96 del DL 18/2020 convertito con modificazioni L. 27/2020, la medesima indennità pari a 600 euro è erogata, senza necessità di ulteriore domanda, anche per i mesi di aprile e maggio 2020.
  13. Cumulabilità delle indennità di sostegno al reddito Le indennità precedentemente illutrate non sono tra loro cumulabili; sono invece cumulabili con l’assegno ordinario di invalidità di cui alla legge 12 giugno 1984, n. 222
REDDITO DI EMERGENZA (Art. 82)
  1. Beneficiari. Per il mese di maggio si introduce il “reddito di emergenza” (REM), destinato al sostegno dei nuclei familiari in condizioni di necessità economica in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, individuati secondo specifici requisiti di compatibilità e incompatibilità.
    Il Rem è erogato dall’INPS in due quote ciascuna pari all’ammontare di 400 euro.
  2. Presentazione delle domande Le domande per il Rem devono essere presentate in via telematica sul sito dell'INPS entro il mese di giugno 2020 .
INTEGRAZIONE AL REDDITO, CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA, CISOA, NASPI e DIS- COLL (Artt. 68, 69, 70, 71, 76, 87, 92, 93)
  1. Trattamento ordinario di integrazione salariale e assegno ordinario Si modifica il trattamento ordinario di integrazione salariale e assegno ordinario, con la previsione che i datori di lavoro, che nell’anno 2020 sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, possono presentare domanda con causale “emergenza COVID-19” per una durata massima di nove settimane per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020, incrementate di ulteriori cinque settimane nel medesimo periodo per i soli datori di lavoro che abbiano interamente fruito il periodo precedentemente concesso fino alla durata massima di nove settimane. È altresì riconosciuto un eventuale ulteriore periodo di durata massima di quattro settimane di trattamento per periodi decorrenti dal 1° settembre 2020 al 31 ottobre 2020.
    Esclusivamente per i datori di lavoro dei settori turismo, fiere e congressi, parchi divertimento, spettacolo dal vivo e sale cinematografiche, è possibile usufruire delle predette quattro settimane anche per periodi decorrenti antecedentemente al 1° settembre 2020 a condizione che i medesimi abbiano interamente fruito il periodo precedentemente concesso e fino alla durata massima di quattordici settimane.
    Viene reintrodotto l’obbligo per i datori di lavoro di svolgere la procedura di informazione, la consultazione e l’esame congiunto, con le organizzazioni sindacali, anche in via telematica, entro i tre giorni successivi a quello della comunicazione preventiva.
  2. Cassa integrazione salariale operai agricoli (CISOA) Il trattamento di cassa integrazione salariale operai agricoli (CISOA), richiesto per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, è concesso in deroga ai limiti di fruizione riferiti al singolo lavoratore e al numero di giornate lavorative da svolgere presso la stessa azienda. I periodi di trattamento sono concessi per un periodo massimo di 90 giorni, dal 23 febbraio 2020 al 31 ottobre 2020 e comunque con termine del periodo entro il 31 dicembre 2020, e sono neutralizzati ai fini delle successive richieste.
    Per assicurare la celerità delle autorizzazioni, le integrazioni salariali CISOA con causale COVID-19 sono concesse dalla sede dell’INPS territorialmente competente.
    La domanda di CISOA deve essere presentata entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione dell’attività lavorativa. Il termine di presentazione delle domande riferite a periodi di sospensione dell’attività lavorativa che hanno avuto inizio nel periodo ricompreso tra il 23 febbraio 2020 e il 30 aprile 2020 è fissato al 31 maggio 2020.
    Per i lavoratori dipendenti di aziende del settore agricolo, ai quali non si applica il trattamento di cassa integrazione salariale operai agricoli, può essere presentata domanda di concessione del trattamento di integrazione salariale in deroga ai sensi dell’articolo 22  del DL 18/2020.
  3. Cassa integrazione in deroga È possibile usufruire della cassa integrazione salariale in deroga per una durata massima di nove settimane per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020, incrementate di ulteriori cinque settimane nel medesimo periodo per i soli datori di lavoro ai quali sia stato interamente già autorizzato un periodo di nove settimane. È inoltre riconosciuto un eventuale ulteriore periodo di di quattro settimane dal 1° settembre 2020 al 31 ottobre 2020. Per i datori di lavoro dei settori turismo, fiere e congressi, parchi divertimento, spettacolo dal vivo e sale cinematografiche, è possibile usufruire delle predette quattro settimane anche per periodi precedenti al 1° settembre a condizione che i medesimi abbiano interamente fruito il periodo precedentemente concesso e fino alla durata massima di quattordici settimane.
  4. Cassa integrazione guadagni in deroga Ai lavoratori, che hanno cessato la cassa integrazione guadagni in deroga nel periodo dal 1° dicembre 2017 al 31 dicembre 2018 e non hanno diritto all’indennità di disoccupazione NASpI, è concessa, nel limite massimo di dodici mesi e in ogni caso con termine entro il 31 dicembre 2020, in continuità con la prestazione di Cassa integrazione guadagni in deroga, un’indennità pari al trattamento di mobilità in deroga, comprensiva della contribuzione figurativa.
  5. Sospensione delle misure di condizionalità per l'attribuzione di alcune prestazioni Ferma restando la fruizione dei benefici economici, è stata prorogata di ulteriori due mesi la sospensione degli obblighi connessi alla fruizione del reddito di cittadinanza e i relativi termini ivi previsti, le misure di condizionalità e i relativi termini comunque previsti per i percettori di NASPI e di DISCOLL  e per i beneficiari di integrazioni salariali, gli adempimenti, le procedure di avviamento a selezione nonché i termini per le convocazioni da parte dei centri per l'impiego per la partecipazione ad iniziative di orientamento.
  6. NASPI e DIS-COLL Le prestazioni previste dagli articoli 1 e 15 del decreto legislativo 4 marzo 2015 n. 22, il cui periodo di fruizione termini nel periodo compreso tra il 1° marzo 2020 e il 30 aprile 2020, sono prorogate per ulteriori due mesi a decorrere dal giorno di scadenza, a condizione che il percettore non sia beneficiario delle indennità di sostegno al reddito erogate in merito all'emergenza COVID-19. L’importo riconosciuto per ciascuna mensilità aggiuntiva è pari all’importo dell’ultima mensilità spettante per la prestazione originaria.
  7. Promozione del lavoro agricolo In relazione all’emergenza epidemiologica i percettori di ammortizzatori sociali, limitatamente al periodo di sospensione a zero ore della prestazione lavorativa, di NASPI e DIS-COLL nonché di reddito di cittadinanza, possono stipulare con datori di lavoro del settore agricolo contratti a termine non superiori a 30 giorni, rinnovabili per ulteriori 30 giorni, nel limite di 2000 euro per l’anno 2020, senza subire la perdita o la riduzione dei benefici.
RINNOVO DEI CONTRATTI, NORME IN MATERIA DI LICENZIAMENTI (Artt. 80, 94)
  1. Modifiche alle norme in materia licenziamento per giustificato motivo oggettivo Si estende a cinque mesi il termine previsto dal decreto-legge “Cura Italia” entro il quale sono vietati i licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo e quelli collettivi e sono sospese le procedure in corso.
    Inoltre, si introduce la possibilità per il datore di lavoro che, indipendentemente dal numero dei dipendenti, nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 17 marzo 2020 abbia proceduto al recesso del contratto di lavoro per giustificato motivo oggettivo, di poter revocare in ogni tempo il recesso purché contestualmente faccia richiesta del trattamento di cassa integrazione salariale a partire dalla data in cui ha efficacia il licenziamento. In tal caso, il rapporto di lavoro si intende ripristinato senza soluzione di continuità, senza oneri né sanzioni per il datore di lavoro.
  2. Proroga o rinnovo di contratti a termine In deroga all’articolo 21 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, per far fronte al riavvio delle attività in conseguenza all’emergenza epidemiologica da COVID-19, è possibile rinnovare o prorogare fino al 30 agosto 2020 i contratti di lavoro subordinato a tempo determinato in essere alla data del 23 febbraio 2020, anche in assenza delle condizioni di cui all’articolo 19, comma 1, del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81.
EMERSIONE DI RAPPORTI DI LAVORO IRREGOLARI (Art. 103)
  1. Le disposizioni Al fine di garantire livelli adeguati di tutela della salute individuale e collettiva in conseguenza dell'emergenza sanitaria da COVID-19 e favorire l’emersione di rapporti di lavoro irregolari,  i datori di lavoro italiani o cittadini di uno Stato membro dell'Unione europea, ovvero i datori di lavoro stranieri in possesso del titolo di soggiorno previsto dalla normativa vigente, possono presentare istanza per concludere un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale ovvero per dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare, tuttora in corso, con cittadini italiani o cittadini stranieri. A tal fine, i cittadini stranieri devono essere stati sottoposti a rilievi fotodattiloscopici prima dell’8 marzo 2020 ovvero devono aver soggiornato in Italia precedentemente alla suddetta data, in forza della dichiarazione di presenza o di attestazioni costituite da documentazioni di data certa proveniente da organismi pubblici; in entrambi i casi, i cittadini stranieri non devono aver lasciato il territorio nazionale dall’8 marzo 2020.
    Per le stesse finalità, i cittadini stranieri, con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019, non rinnovato o convertito in altro titolo di soggiorno, possono richiedere un permesso di soggiorno temporaneo, valido solo nel territorio nazionale, della durata di mesi sei dalla presentazione dell’istanza. A tal fine, i predetti cittadini devono risultare presenti sul territorio nazionale alla data dell’8 marzo 2020, senza che se ne siano allontanati dalla medesima data, e devono aver svolto antecedentemente al 31 ottobre 2019 comprovata attività di lavoro.
    Le disposizioni si applicano ai seguenti settori di attività: agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse; assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, ancorché non conviventi, affetti da patologie o handicap che ne limitino l’autosufficienza; lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.
    Presentazione delle domande Le istanze devono essere presentata dal 1° giugno al 15 luglio 2020 con le modalità stabilite con decreto del Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, ed il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali da adottarsi entro dieci giorni dalla data di entrata in vigore del decreto Rilancio.
MALATTIA, SORVEGLIANZA SANITARIA ATTIVA E LEGGE 104 (Artt. 74 e 83)
  1. Permessi Legge 104/1992 Il numero di giorni di permesso retribuito è incrementato di ulteriori complessive 12 giornate usufruibili nei mesi di maggio e giugno 2020.
  2. Astensione dal lavoro per i dipendenti a rischio Estesa al 31 luglio 2020 la possibilità per i lavoratori dipendenti pubblici e privati in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità (ai sensi dell'art. 3 c. 3 della L. 104/1992), nonché per i lavoratori in possesso di certificazione rilasciata dai competenti organi medico-legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita (ai sensi dell'art. 3 c. 3 della L. 104/1992) di astenersi dal servizio. L'assenza dal servizio è equiparata al ricovero ospedaliero ed è prescritto dalle competenti autorità sanitarie, nonché dal medico di assistenza primaria che ha in carico il paziente, sulla base documentata del riconoscimento di disabilità o delle certificazioni dei competenti organi medico-legali.
  3. Sorveglianza attiva dei lavoratori a rischio Fermo restando quanto previsto dall’articolo 41 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, per garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività produttive e commerciali in relazione al rischio di contagio da virus SARS-CoV-2, fino al 31 luglio 2020 i datori di lavoro pubblici e privati assicurano la sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori maggiormente esposti a rischio di contagio, in ragione dell’età o della condizione di rischio derivante da immunodepressione, anche da patologia COVID-19, o da esiti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o comunque da comorbilità che possono caratterizzare una maggiore rischiosità.
    Per i datori di lavoro che non sono tenuti alla nomina del medico competente per l’effettuazione della sorveglianza sanitaria, fermo restando la possibilità di nominarne uno per il periodo emergenziale, la sorveglianza sanitaria eccezionale può essere richiesta ai servizi territoriali dell’INAIL che vi provvedono con propri medici del lavoro.
    L’inidoneità alla mansione accertata non può in ogni caso giustificare il recesso del datore di lavoro dal contratto di lavoro
    Si estende al 31 luglio 2020 il termine sino al quale il periodo trascorso in quarantena con sorveglianza sanitaria attiva dei lavoratori dipendenti del settore privato è equiparato a malattia ai fini del trattamento economico.
CONGEDI PARENTALI, BONUS BABY SITTING, LAVORO AGILE (Artt. 72, 73, 90)
  1. Congedi parentali retribuiti Innalzamento a 30 giorni dei congedi di cui possono fruire i lavoratori dipendenti del settore privato per i figli di età non superiore ai 12 anni (per il quale è riconosciuta una indennità pari al 50% della retribuzione) e l’estensione del relativo arco temporale di fruizione sino al 31 luglio 2020. Tali periodi sono coperti da contribuzione figurativa.
  2. Congedi parentali non retribuiti I lavoratori dipendenti del settore privato con figli minori di anni 16, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore non lavoratore o beneficiario di strumenti di sostegno al reddito per sospensione o cessazione dell’attività lavorativa, hanno diritto di astenersi dal lavoro per l’intero periodo di sospensione dei servizi educativi per l’infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, senza corresponsione di indennità né riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.
  3. Bonus baby sitting Innalzato da 600 a 1200 euro il limite massimo complessivo il bonus per l’acquisto di servizi di baby sitting e la possibilità, in alternativa, di utilizzarlo per l’iscrizione ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.
    Per i comparti sicurezza, difesa e soccorso pubblico e per il settore sanitario pubblico e privato il limite massimo è aumentato a 2.000 euro.
    La fruizione del bonus per servizi integrativi per l’infanzia è incompatibile con la fruizione del bonus asilo nido
  4. Lavoro agile per i dipendenti del settore pubblico Per i datori di lavoro pubblici, fino alla cessazione dello stato di emergenza e comunque non oltre il 31 dicembre 2020, la modalità di lavoro agile può essere applicata a ogni rapporto di lavoro subordinato.
  5. Lavoro agile per i dipendenti del settore privato I lavoratori dipendenti del settore privato che hanno almeno un figlio minore di anni 14, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore non lavoratore o beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell'attività lavorativa, fino al 31 luglio 2020 hanno diritto a svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile anche in assenza degli accordi individuali, a condizione che tale modalità sia compatibile con le caratteristiche della prestazione. La prestazione lavorativa in lavoro agile può essere svolta anche attraverso strumenti informatici di proprietà del dipendente.
    La modalità di lavoro agile può essere applicata dai datori di lavoro privati a ogni rapporto di lavoro subordinato, nel rispetto dei principi dettati dalla normativa vigente, anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti; gli obblighi di informativa sono assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile sul sito dell'INAIL.

Terzo settore

MISURE PER IL TERZO SETTORE (Artt. 77, 244)
  1. Contributi per la sicurezza e il potenziamento dei presidi sanitari E' estesa agli enti del terzo settore la possibilità di accedere ai contributi erogati da Invitalia per l'acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale allo scopo di sostenere la continuità, in sicurezza, delle attività di interesse generale degli enti del terzo settore, a seguito dell'emergenza sanitaria coronavirus.
  2. Sostegno alla liquidità Si estende in favore degli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti che svolgono attività di interesse generale non in regime d’impresa, le misure temporanee per il sostegno alla liquidità di cui all’articolo 1, del decreto-legge “liquidità” (decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23).
  3. Sostegno al Terzo settore nelle Regioni del Mezzogiorno Con risorse a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione (con uno stanziamento complessivo pari ad 100 milioni di euro per l’anno 2020, di cui 20 milioni riservati ad interventi per il contrasto alla povertà educativa, e a 20 milioni per l’anno 2021), sono concessi contributi volti al sostegno del terzo settore nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, con la finalità di rafforzare l’azione a tutela delle fasce più deboli della popolazione a seguito dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Il contributo è concesso in forma di sovvenzione diretta per il finanziamento dei costi ammissibili e a seguito di selezione pubblica nel rispetto dei principi di trasparenza e parità di trattamento. Il contributo può essere cumulato con il sostegno proveniente da altre fonti per gli stessi costi ammissibili ed è destinato agli enti che svolgono almeno una delle attività di interesse generale previste all’articolo 5, comma 1, lettere a), c), d), e), f), i), l), m), p), q), r) ,s), t), u), v), w) e z) del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117.
    L’Agenzia per la coesione territoriale provvede a definire le finalità degli interventi da finanziare, le categorie di enti a cui sono rivolti, i requisiti di accesso al contributo, nonché i costi ammissibili e le percentuali di copertura tramite il contributo.

AGEVOLAZIONI, INCENTIVI E MISURE FISCALI

INCENTIVI PER EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, SISMA BONUS, FOTOVOLTAICO E COLONNINE DI RICARICA DI VEICOLI ELETTRICI (Artt. 119, 121)
  1. Riqualificazione energetica (Eco bonus) Detrazione nella misura del 110% delle spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo, per specifici interventi volti ad incrementare l’efficienza energetica degli edifici (eco bonus): interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo (la detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 60.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio);  interventi sugli edifici unifamiliari o sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto, a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, ovvero con impianti di microcogenerazione (la spesa massima detraibile è di 30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio nel caso di interventi su parti comuni).
    La detrazione del 110%, nei limiti di spesa previsti dalla normativa vigente, si applica anche a tutti gli altri interventi di efficientamento energetico a condizione che siano eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di cui sopra. Per poter accedere alla detrazione, gli interventi devono assicurare, nel loro complesso, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio o, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta.
    La disposizione non si applica agli interventi effettuati dalle persone fisiche, al di fuori di attività di impresa, arti e professioni, su edifici unifamiliari diversi da quello adibito ad abitazione principale.
  2. Sisma bonus detrazione del 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per interventi volti alla riduzione del rischio sismico. In caso di cessione del corrispondente credito ad un'impresa di assicurazione e di contestuale stipula di una polizza che copre il rischio di eventi calamitosi, la detrazione spetta nella misura del 90%. Le disposizioni non si applicano agli edifici ubicati in zona sismica 4 per gli interventi effettuati dalle persone fisiche, al di fuori di attività di impresa, arti e professioni, su edifici unifamiliari diversi da quello adibito ad abitazione principale.
  3. Impianti fotovoltaici Per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per l’installazione di impianti solari fotovoltaici eseguita congiuntamente a interventi di riqualificazione energetica o di riduzione del rischio sismico (vedi Sisma bonus ed Eco bonus), spetta una detrazione del 110%, fino ad un ammontare complessivo delle stesse spese non superiore a euro 48.000 e comunque nel limite di spesa di euro 2.400 per ogni kW di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo. La detrazione è riconosciuta anche per l’installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati ed è comunque subordinata alla cessione in favore del GSE dell’energia non auto-consumata in sito; non è invece cumulabile con altri incentivi pubblici o altre forme di agevolazione di qualsiasi natura previste dalla normativa europea, nazionale e regionale, compresi i fondi di garanzia e di rotazione.
  4. Colonnine per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici Per l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, eseguita congiuntamente a interventi di riqualificazione energetica (vedi Eco bonus) si riconosce una detrazione del 110%, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo.
  5. Trasformazione delle detrazioni fiscali in sconto sul corrispettivo dovuto e in credito d’imposta cedibile Introdotta la possibilità per i contribuente che sostengono, negli anni 2020 e 2021, spese per interventi di ristrutturazione edilizia, efficienza energetica, adozione di misure antisismiche, recupero o restauro della facciata degli edifici, installazione di impianti solari fotovoltaici, installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, di optare, in luogo della detrazione, per un contributo sotto forma di sconto in fattura da parte del fornitore, che potrà recuperarlo sotto forma di credito di imposta cedibile ad altri soggetti, comprese banche e intermediari finanziari, ovvero per la trasformazione in un credito di imposta.
CREDITI DI IMPOSTA (Artt. 120, 122, 125, 150, 151)
  1. Credito d'imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro Ai soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione in luoghi aperti, alle associazioni, alle fondazioni e agli altri enti privati, compresi gli enti del Terzo settore, è riconosciuto un credito d'imposta in misura pari al 60% delle spese sostenute nel 2020, per un massimo di 80.000 euro, in relazione agli interventi necessari per far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del virus COVID-19, ivi compresi quelli edilizi necessari per il rifacimento di spogliatoi e mense, per la realizzazione di spazi medici, ingressi e spazi comuni, per l’acquisto di arredi di sicurezza, nonché in relazione agli investimenti in attività innovative, ivi compresi quelli necessari ad investimenti di carattere innovativo quali lo sviluppo o l’acquisto di strumenti e tecnologie necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa e per l’acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura dei dipendenti e degli utenti.
    Il credito d'imposta è cumulabile con altre agevolazioni per le medesime spese, comunque nel limite dei costi sostenuti ed è utilizzabile nell’anno 2021 esclusivamente in compensazione.
    Con provvedimento dell'Agenzia delle entrate saranno definite le istruzioni operative su criteri e modalità di applicazione e fruizione.
  2. Credito d'imposta per la sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione Ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, alle associazioni, alle fondazioni e agli altri enti privati, compresi gli enti del terzo del settore, viene riconosciuto un credito d’imposta in misura pari al 60% delle spese sostenute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro e  l'acquisto, ed evetualmente l'installazione, di dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione e calzari), di prodotti detergenti e disinfettanti, di dispositivi di sicurezza (termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti) e dispostivi atti a garantire la distanza di sicurezza interpersonale (barriere e pannelli protettivi, ivi incluse le eventuali spese di installazione). Il credito d’imposta spetta fino a un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario, è utilizzabile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa o in compensazione e non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell'IRAP.
    Con provvedimento dell'Agenzia delle entrate saranno definite le modalità di attuazione.
  3. Cessione dei crediti d’imposta riconosciuti da provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da COVID-19 A decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto Rilancio e fino al 31 dicembre 2021, i soggetti beneficiari dei crediti d’imposta riconosciuti da provvedimenti emanati per fronteggiare l’emergenza da COVID-19 (credito d’imposta per botteghe e negozi; credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda; credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro; credito d’imposta per sanificazione degli ambienti di lavoro e l’acquisto di dispositivi di protezione), in luogo dell'utilizzo diretto  possono optare per la cessione, anche parziale, degli stessi ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari. I cessionari possono utilizzare il credito ceduto anche in compensazione e con le stesse modalità con le quali sarebbe stato utilizzato dal soggetto cedente. La quota di credito non utilizzata nell'anno non può essere utilizzata negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso.
    Con provvedimento dell'Agenzia delle entrate saranno definite le modalità di attuazione.
  4. Sospensione della compensazione tra credito d’imposta e debito iscritto a ruolo Nel 2020, in sede di erogazione dei rimborsi fiscali non si applica la compensazione tra il credito d’imposta ed il debito iscritto a ruolo prevista dall’articolo 28-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602.
  5. Modalità di ripetizione dell’indebito su prestazioni previdenziali e retribuzioni assoggettate a ritenute alla fonte a titolo di acconto Stabilito il principio in base al quale la restituzione al datore di lavoro di somme indebitamente erogate deve avvenire al netto della ritenuta operata al momento del pagamento. Al sostituto d’imposta, cui le somme siano state restituite al netto della ritenuta operata e versata, spetta un credito d’imposta nella misura del 30% di quanto ricevuto, utilizzabile in compensazione; tale credito rileva ai fini della determinazione del reddito.
  6. Notifica degli atti e per l’esecuzione dei provvedimenti di sospensione della licenza/autorizzazione amministrativa all’esercizio dell’attività/iscrizione ad albi e ordini professionali E’ prorogato fino al 31 gennaio 2021 il termine finale della sospensione per la notifica degli atti e per l’esecuzione dei provvedimenti di sospensione della licenza o dell’autorizzazione amministrativa all’esercizio dell’attività, ovvero dell’esercizio dell’attività medesima o dell’iscrizione ad albi e ordini professionali, a carico di imprese, commercianti e lavoratori autonomi cui sono state contestate più violazioni degli obblighi di emissione di scontrini, ricevute fiscali, certificazione dei corrispettivi o degli obblighi di regolarizzazione di acquisto di mezzi tecnici per le telecomunicazioni
RIDUZIONE IVA DEI BENI NECESSARI AL CONTENIMENTO E GESTIONE DELL’EPIDEMIA (Art. 124)
  1. Riduzione aliquota IVA per le cessioni di beni necessari per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 Fino al 31 dicembre 2020 la vendita di beni e dispositivi medici e di protezione individuale (ventilatori polmonari per terapia intensiva e subintensiva; monitor multiparametrico anche da trasporto; pompe infusionali per farmaci e pompe peristaltiche per nutrizione enterale; tubi endotracheali; caschi per ventilazione a pressione positiva continua; maschere per la ventilazione non invasiva; sistemi di aspirazione; umidificatori; laringoscopi; strumentazione per accesso vascolare; aspiratore elettrico; centrale di monitoraggio per terapia intensiva; ecotomografo portatile; elettrocardiografo; tomografo computerizzato; mascherine chirurgiche; mascherine Ffp2 e Ffp3; articoli di abbigliamento protettivo per finalità sanitarie quali guanti in lattice, in vinile e in nitrile, visiere e occhiali protettivi, tute di protezione, calzari e soprascarpe, cuffie copricapo, camici impermeabili, camici chirurgici; termometri; detergenti disinfettanti per mani; dispenser a muro per disinfettanti; soluzione idroalcolica in litri; perossido al 3 per cento in litri; carrelli per emergenza; estrattori RNA; strumentazione per diagnostica per COVID-19; tamponi per analisi cliniche; provette sterili; attrezzature per la realizzazione di ospedali da campo) è totalmente esentata dall’Iva; successivamente è ridotta dal 22% al 5%.

PROROGA DI TERMINI, SOSPENSIONI E RATEIZZAZIONI, DIFFERIMENTO DELL’EFFICACIA DI DISPOSIZIONI (Artt. 126, 127, 133, 140, 141, 143, 149, 152, 154, 157, 163)
  1. Proroga dei termini di ripresa della riscossione dei versamenti sospesi Prorogato dal 30 giugno 2020 al 16 settembre 2020 il termine per i versamenti di imposte e contributi, già sospesi per i mesi di marzo, aprile e maggio (Artt. 18 e 19 del DL 23/2020, art. 5 del DL 9/2020 e artt. 61 e 62 del Dl 18/2020). I versamenti potranno essere effettuati in unica soluzione o rateizzati.
  2. Lotteria degli scontrini e registratore telematico Rinvio della lotteria degli scontrini e dell’obbligo del registratore telematico al 1° gennaio 2021. Resta fermo tuttavia l’obbligo di emettere scontrini o ricevute fiscali, di registrare i corrispettivi sui registri IVA e trasmettere con cadenza mensile telematicamente all’Agenzia delle entrate i dati dei corrispettivi giornalieri.
  3. Procedura automatizzata di liquidazione dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche Rinviata al 1° gennaio 2021 l’applicazione della procedura di integrazione da parte dell’agenzia delle entrate dell’imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche inviate tramite il sistema di interscambio che non recano l’annotazione di assolvimento dell’imposta.
  4. Versamenti delle somme dovute a seguito di atti di accertamento con adesione, conciliazione, rettifica e liquidazione e di recupero dei crediti d’imposta Sono prorogati al 16 settembre 2020 i termini di versamento delle somme dovute a seguito di atti di accertamento con adesione, conciliazione, rettifica e liquidazione e di recupero dei crediti d’imposta in scadenza nel periodo compreso tra il 9 marzo 2020 e il 31 maggio 2020. I versamenti sono effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateazione (fino a un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con scadenza il 16 di ciascun mese). Prorogato al 16 settembre 2020 anche il termine per notificare il ricorso introduttivo in commissione. tributaria.
  5. Pignoramenti dell'Agente di riscossione su stipendi e pensioni Nel periodo intercorrente tra la data di entrata in vigore del decreto Rilancio e il 31 agosto 2020, sono sospesi gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati prima di tale ultima data dall’agente della riscossione e dai soggetti iscritti all’albo, aventi ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza.
  6. Proroga dei termini al fine di favorire la graduale ripresa delle attività economiche e sociali Gli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti di imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione, per i quali i termini di decadenza scadono tra l’8 marzo 2020 ed il 31 dicembre 2020, sono notificati nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021. Sono inoltre notificati, inviati o messi a disposizione nel 2021 atti, comunicazioni e inviti, elaborati o emessi, anche se non sottoscritti, entro il 31 dicembre 2020 (comunicazioni degli esiti della liquidazione e del controllo formale delle dichiarazioni, inviti all’adempimento, atti di accertamento dell’addizionale erariale della tassa automobilistica, atti di accertamento delle tasse automobilistiche per le Regioni Friuli Venezia Giulia e Sardegna, atti di accertamento per omesso o tardivo versamento della tassa sulle concessioni governative per l’utilizzo di telefoni cellulari).
  7. Versamento dei carichi affidati all’agente della riscossione I pagamenti in scadenza nel periodo 8 marzo – 31 agosto 2020 di carichi affidati all'agente di riscossione (cartelle di
    pagamento, accertamenti esecutivi, avvisi di addebito Inps, accertamenti dogane, ingiunzioni e accertamenti esecutivi degli enti locali. Entrate tributarie e non tributarie) dovranno essere effettuati entro il 30 settembre 2020.
  8. Rateizzazioni La decadenza dalla rateizzazione dei piani di dilazione in essere all’8 marzo e dei nuovi piani concessi a seguito delle domande presentate entro il 31 agosto 2020 si verifica con il mancato pagamento di 10 rate, anche non consecutive, anziché le 5 ordinariamente previste.
  9. Rottamazione‐ter, Saldo e stralcio e Rottamazione risorse proprie UE Possibilità, per i contribuenti in regola con i pagamenti 2019, di eseguire i pagamenti degli importi relativi alle rate previste per il 2020 e non effettuati alle relative scadenze, entro il termine «ultimo» del 10 dicembre 2020 (non è prevista la tolleranza di 5 giorni) senza perdere le agevolazioni previste e senza oneri aggiuntivi.
    Possibilità per i contribuenti decaduti dai benefici delle definizioni agevolate per mancato, insufficiente o tardivo versamento delle rate scadute nel 2019, di presentare istanza per ottenere un piano di dilazione dei debiti «rottamati» e non pagati.
  10. Tabacchi Ferma restando la necessità di procedere alle rendicontazioni nei termini previsti, i soggetti obbligati al pagamento dell’accisa per i tabacchi lavorati e dell’imposta di consumo sui prodotti sono autorizzati a versare entro il 31 ottobre 2020, maggiorati degli interessi, gli importi dovuti per i periodi contabili dei mesi di aprile e maggio 2020.
  11. Plastic tax e sugar tax Rinviata al 1 gennaio 2021 l’entrata in vigore di plastic tax e sugar tax.
BONUS 80 EURO (Art. 128)
  1. Bonus di 80 euro e trattamento integrativo di 100 euro Per l'anno 2020 il bonus di 80 euro e il trattamento integrativo di 100 euro (che lo sostituisce a partire dal 1 luglio 2020) spettano ai lavoratori dipendenti in possesso dei necessari requisiti anche se gli stessi risultano incapienti a causa del minor reddito di lavoro prodotto nel 2020 per le conseguenze connesse all’emergenza sanitaria. Il credito, non attribuito nei mesi in cui il lavoratore fruisce delle misure a sostegno del lavoro (artt. da19 a 22 del DL 18/2020), è riconosciuto dal sostituto d'imposta a decorrere dalla prima retribuzione utile e comunque entro i termini di effettuazione delle operazioni di conguaglio.
DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCISA SUI PRODOTTI ENERGETICI (Artt. 129, 130, 131)
  1. Rate di acconto per il pagamento dell’accisa sul gas naturale e sull’energia elettrica Le rate di acconto mensili concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi di gas naturale ed energia elettrica e relative sanzioni penali e amministrative, relative ai mesi da maggio a settembre 2020, sono versate nella misura del 90%. Il termine per il pagamento della rata di acconto relativa al mese di maggio 2020 è differito dal 16 maggio al 20 maggio 2020.
    L’eventuale versamento a conguaglio è effettuato in un'unica soluzione entro il 31 marzo 2021 per il gas naturale ed entro il 16 marzo 2021 per l’energia elettrica; in alternativa, il medesimo conguaglio è effettuato in dieci rate mensili di pari importo senza interessi da versare entro l’ultimo giorno di ciascun mese nel periodo da marzo a dicembre 2021. Le somme eventualmente risultanti a credito sono detratte, nei modi ordinari, dai versamenti di acconto successivi alla presentazione della dichiarazione annuale.
  2. Differimento di alcuni adempimenti in materia di accisa L’efficacia di alcune disposizioni contenute nel DL 124/2019, che prevedono l’introduzione di specifici adempimenti sia per l’Amministrazione finanziaria, in tema di approntamento e sperimentazione delle procedure telematiche, sia per gli operatori economici, circa l’organizzazione gestionale degli impianti slitta: al 1° gennaio 2021 quella dell’articolo 5 (contrasto alle frodi in materia di accisa), al 1° ottobre 2020 quella dell’articolo 7 (contrasto alle frodi nel settore degli idrocarburi e di altri prodotti), al 31 dicembre 2020 quella degli articoli 10 (estensione del sistema Infoil) e 12 (trasmissione telematica dei quantitativi di energia elettrica e di gas naturale), al 30 settembre 2020 quella dell’articolo 11 (introduzione documento amministrativo semplificato telematico).
  3. Slittamento dei termini e disposizioni per i versamenti in materia di accisa sui prodotti energetici Per i prodotti energetici immessi in consumo nel mese di marzo dell’anno 2020, i pagamenti dell'accisa sono considerati tempestivi se effettuati entro il 25 maggio 2020 e non si applicano le sanzioni e l'indennità di mora previste per il ritardato pagamento.
    Per il periodo successivo, da aprile ad agosto2020, possono essere eseguiti nella misura dell’80%, a titolo di acconto, entro il 25 maggio 2020 per quelli di aprile e alle scadenze ordinarie per i successivi. Il versamento del saldo è effettuato entro il 16 novembre 2020, senza il pagamento di interessi.
INCENTIVI PER GLI INVESTIMENTI NELL’ECONOMIA REALE (Art. 136)
  1. Incentivi per gli investimenti nell’economia reale Potenziata la capacità dei piani di risparmio a lungo termine (pir) di convogliare risparmio privato verso il mondo delle imprese, affinché l’investimento di specifici pir sia diretto, per oltre il 70% del valore complessivo del piano, a beneficio di pmi non quotate sul Ftse Mib e Ftse Mid.

Misure di settore

TURISMO E CULTURA (Artt. 176, 177, 180, 181, 182, 183, 184, 185)
  1. Tax credit vacanze Per il periodo d’imposta 2020, viene riconosciuto ai nuclei familiari un credito, fino ad un importo massimo di 500 euro, utilizzabile per il pagamento dei servizi offerti dalle imprese turistico ricettive, da bed & breakfast e agriturismo. I destinatari sono i nucei familiari con ISEE non superiore a 40 mila euro. Per i nuclei familiari composti da due persone l’importo del credito è di 300 euro, per quelli composti da una sola persona è 150 euro. Può essere utilizzato da un solo componente ed essere speso in un’unica soluzione e nei riguardi di una sola impresa turistica ricettiva, o di un solo agriturismo o bed & breakfast. È fruibile nella misura dell’80%, sottoforma di sconto, per il pagamento dei servizi prestati dal fornitore. Il restante 20% è utilizzabile come detrazione dall’avente diritto. Il corrispettivo della prestazione deve essere documentato con fattura elettronica o documento commerciale. Lo sconto è rimborsato al fornitore sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, ovvero cedibile anche ad istituti di credito.
  2. Esenzioni IMU per il settore turistico Sono esentati dalla prima rata IMU relativa all’anno 2020 (scadenza 16 giugno 2020): gli immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché gli immobili degli stabilimenti termali; gli immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e gli immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.
  3. Ristoro ai Comuni per la riduzione di gettito dell'imposta di soggiorno e adempimenti per i gestori delle strutture ricettive Per l'anno 2020 è istituito un Fondo con una dotazione di 100 milioni di euro, per il ristoro  parziale  dei  comuni  a  fronte  delle  minori entrate derivanti dalla mancata riscossione dell'imposta di soggiorno o del  contributo  di  sbarco. Semplificati gli adempimenti per i gestori delle strutture ricettive responsabili dei pagamenti dell’imposta.
  4. Sostegno delle imprese di pubblico esercizio Bar, ristoranti, pizzerie, birrerie, stabilimenti balneari, gelaterie sono esonerati dal pagamento della tassa di occupazione di spazi e aree pubbliche dal 1 maggio fino al 31 ottobre 2020. A far data dallo stesso termine, le domande di nuove concessioni  per  l'occupazione  di suolo pubblico ovvero di ampliamento delle  superfici già concesse sono presentate in via telematica all'ufficio competente dell'Ente locale, con allegata la sola planimetria, in esenzione di bollo. Fino alla stessa data è sospeso anche il regime di autorizzazione da parte delle soprintendenze.
  5. Sostegno alle agenzie di viaggio e i tour operator Per le imprese e gli operatori turistici è istituito un fondo con una dotazione di 25 milioni di euro per l'anno 2020. Con decreto del Ministro per i beni e  le  attività culturali e per il turismo, da adottare  entro  trenta  giorni  dalla data di entrata in vigore del Decreto Rilancio, sono  stabilite  le modalità di  ripartizione  e assegnazione delle risorse agli operatori.
  6. Fondi per le emergenze nei settori dello spettacolo e del cinema e audiovisivo Vengono aumentate a 245 milioni di euro le risorse dei fondi di emergenza per lo spettacolo, il cinema e l'audiovisivo introdotti dall'art.89 del decreto "Cura Italia".
  7. Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali È istituito un Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali, con una dotazione di 210 milioni  di euro  per  l'anno  2020, destinato al sostegno delle librerie, dell'intera filiera dell'editoria, nonché dei musei, biblioteche, archivi, aree archeologiche, parchi archeologici e complessi monumentali. Il Fondo è destinato altresì al ristoro delle perdite derivanti dall’annullamento, in seguito all’emergenza epidemiologica da Covid-19, di spettacoli, fiere, congressi e mostre. Con uno o più decreti del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio, sono stabilite le modalità di ripartizione e assegnazione delle risorse, tenendo conto dell’impatto economico negativo nei settori conseguente all’adozione delle misure di contenimento del Covid-19.
  8. Musei e dei luoghi della cultura statali Per i mancati introiti derivanti da biglietteria è autorizzata la spesa di 100 milioni di euro per l'anno 2020.
  9. Fondo unico per lo spettacolo Per l’anno 2020, agli organismi finanziati a valere sul Fondo unico per lo spettacolo per il triennio 2018-2020, diversi dalle fondazioni lirico-sinfoniche, è erogato un anticipo del contributo fino  all’80 per cento dell’importo riconosciuto per l’anno 2019. Con uno o più decreti del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo sono stabilite le modalità per l’erogazione della restante quota, tenendo conto dell’attività svolta a fronte dell’emergenza sanitaria da Covid-19, della tutela dell’occupazione e della riprogrammazione degli spettacoli, nonché, in deroga alla durata triennale della programmazione, le modalità per l’erogazione dei contributi per l’anno 2021, anche sulla base delle attività effettivamente svolte e rendicontate nell’intero anno 2020.
    Decorso il primo periodo di applicazione pari a nove settimane previsto dall’articolo 19 del decreto Cura Italia, gli organismi dello spettacolo dal vivo possono utilizzare le risorse loro erogate per l’anno 2020 a valere sul Fondo unico dello spettacolo anche per integrare le misure di sostegno del reddito dei propri dipendenti limitatamente al periodo di ridotta attività degli enti.
  10. Art bonus Viene esteso ai complessi strumentali, alle società concertistiche e corali, ai circhi e agli spettacoli viaggianti il credito d’imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura (“art bonus” – articolo 1, Dl 83/2014).
  11. Fondo cultura È istituito, nello stato di previsione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, un fondo con una dotazione di 50 milioni di euro per l’anno 2020, finalizzato alla promozione di investimenti e altri interventi per la tutela, la fruizione, la valorizzazione e la digitalizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sono stabilite modalità e condizioni di funzionamento del fondo.
    Inoltre, una quota delle risorse può essere destinata al finanziamento di un fondo di garanzia per la concessione di contributi in conto interessi e di mutui per interventi di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale. Il fondoè gestito e amministrato a titolo gratuito dall'Istituto per il credito sportivo in gestione separata secondo le modalità definite con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto Rilancio.
  12. Sostegno di artisti, interpreti ed esecutori Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto Rilancio, i Commissari liquidatori dell'IMAIE depositano il bilancio finale di liquidazione, comprensivo anche dell’ultimo piano di riparto. Nel bilancio finale di liquidazione è indicata, come voce distinta dal residuo attivo, l’entità dei crediti vantati da artisti, interpreti ed esecutori e sono altresì indicati i nominativi dei creditori dell’ente e i crediti complessivamente riferibili ad artisti, interpreti, esecutori dell'area musicale e quelli riferibili ad artisti, interpreti, esecutori dell'area audiovisiva, come risultanti dagli stati passivi esecutivi per i quali sia stato autorizzato il pagamento dei creditori.
    Approvato il bilancio finale, le somme corrispondenti al residuo attivo sono ripartite in favore degli artisti, interpreti ed esecutori, secondo le modalità definite con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, anche tenendo conto dell’impatto economico conseguente all’adozione delle misure di contenimento del COVID-19.
EDITORIA  (Artt. 186, 187,188,189, 190, 191, 192, 193, 195 )
  1. Credito d'imposta per gli investimenti pubblicitari Viene incrementato ulteriormente il “bonus pubblicità” destinato alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica anche on line e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali. Dopo le misure introdotte dal Decreto Cura Italia, la percentuale del credito d’imposta è ora aumentata dal 30 al 50% del valore degli investimenti effettuati.
  2. Forfettizzazione delle rese dei giornali Per l'anno 2020 viene introdotto un regime straordinario di forfettizzazione delle rese dei giornali (per quotidiani e periodici), ai fini dell’imposta sul valore aggiunto. L’Iva viene abbattuta al 95% rispetto all’attuale 80%.
  3. Credito d’imposta per l’acquisto della carta dei giornali Per l'anno 2020,  alle imprese editrici di quotidiani e di periodici iscritte al registro degli operatori di comunicazione è riconosciuto un credito d'imposta pari all'8 per cento della spesa sostenuta nell'anno 2019 per l'acquisto della carta utilizzata per la stampa delle testate edite, entro il limite di 24 milioni di euro per l'anno 2020, che costituisce tetto di spesa.
  4. Bonus una tantum edicole A titolo di sostegno economico per gli oneri straordinari sostenuti per dallo svolgimento  dell'attività durante l'emergenza sanitaria connessa alla diffusione del COVID-19, alle persone fisiche esercenti punti vendita esclusivi per la rivendita di giornali e riviste, non titolari di redditi da lavoro dipendente o pensione, è riconosciuto un contributo una tantum fino a 500 euro, entro il limite di 7 milioni di euro per l'anno 2020, che costituisce tetto di spesa. Il contributo non concorre alla formazione del reddito.
    Il contributo è concesso previa istanza diretta al Dipartimento per l'informazione e l'editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri.
    Con DPCM, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio, sono stabiliti le modalità, i contenuti, la documentazione richiesta e i termini per la presentazione della domanda.
  5. Credito d'imposta per i servizi digitali Per l'anno 2020, alle imprese editrici di quotidiani e di periodici iscritte al registro degli operatori di comunicazione, che occupano almeno un dipendente a tempo indeterminato, è  riconosciuto un credito d'imposta (utilizzabile esclusivamente in compensazione) pari al 30% della spesa effettiva sostenuta nell'anno 2019 per l'acquisizione dei servizi di server, hosting e manutenzione evolutiva per le testate edite in formato digitale, e per servizi digitali di gestione della connettività. Il credito d'imposta è riconosciuto entro il limite di 8 milioni di euro per l'anno 2020, che costituisce tetto di spesa (se le risorse risultano insufficienti rispetto alle richieste, le stesse sono ripartite in misura proporzionale), nel rispetto della regola Ue sugli aiuti “de minimis” e non è cumulabile, in relazione a medesime voci di spesa, con ogni altra agevolazione prevista da normativa statale, regionale o europea
    L'agevolazione è concessa a ciascuna impresa previa istanza diretta al Dipartimento per l'informazione e l'editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri.
    Con DPCM, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio, sono stabiliti le modalità, i contenuti, la documentazione richiesta e i termini per la presentazione della domanda.
  6. Procedura straordinaria semplificata per l'accesso ai contributi diretti per l'editoria Per favorire la disponibilità immediata per l’accesso alla prima rata dei contributi diretti all’editoria, è previsto il differimento a fine anno del versamento della contribuzione previdenziale.
  7. Differimento termine per procedura di riequilibrio INPGI Si proroga (dal 30 giugno 2020) al 31 dicembre 2020 il termine per l'adozione, da parte dell'INPGI (Istituto  nazionale  di previdenza dei giornalisti italiani), delle misure di riforma del proprio regime previdenziale volte al riequilibrio finanziario della gestione sostitutiva dell'assicurazione generale obbligatoria, finalizzate ad assicurare la sostenibilità economico-finanziaria nel medio e lungo periodo.
  8. Contribuzione figurativa per giornalisti ammessi a cassa integrazione in deroga Ferma restando l'erogazione dei trattamenti di cassa integrazione in deroga a carico dell'INPS, anche ai giornalisti dipendenti iscritti alla gestione sostitutiva dell'Istituto nazionale  di  previdenza dei giornalisti italiani (INPGI), la relativa contribuzione figurativa spettante è accreditata presso l'INPGI.
  9. Fondo emergenze emittenti locali Al fine di consentire alle emittenti radiotelevisive locali di continuare a svolgere il servizio di interesse generale informativo sui territori attraverso la quotidiana produzione e trasmissione  di approfondita informazione locale a beneficio dei cittadini, è stanziato nello stato di  previsione del Ministero dello sviluppo economico l'importo di 50 milioni di euro per l'anno 2020, che costituisce tetto di spesa, per l'erogazione di un contributo straordinario per i servizi informativi connessi alla diffusione del contagio da COVID-19.
    Il contributo è erogato secondo i criteri previsti con decreti del Ministro dello sviluppo economico.
INFRASTRUTTURE E I TRASPORTI (Artt. 197, 200, 215)
  1. Ferrobonus e Marebonus Sono rifinanziati gli incentivi “marebonus” e “ferrobonus” destinati al sostegno del trasporto intermodale, con un incremento di 30 milioni di euro per il primo, e di 20 milioni per il secondo.
  2. Disposizioni in materia di trasporto pubblico locale È istituito presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti un fondo con una dotazione iniziale di 500 milioni di euro per l'anno 2020, destinato a compensare la riduzione dei ricavi tariffari relativi ai passeggeri nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 31dicembre 2020 rispetto alla media dei ricavi tariffari relativa ai passeggeri registrata nel medesimo periodo del precedente biennio.
  3. Misure di tutela per i pendolari di trasporto ferroviario e TPL Viene introdotto il rimborso dei costi sostenuti per l’acquisto di abbonamenti di viaggio per servizi ferroviari e di trasporto pubblico dai viaggiatori pendolari. Possono accedere alla richiesta di ristoro i possessori di un abbonamento ferroviario o di trasporto pubblico locale in corso di validità durante il periodo interessato dalle misure governative che non hanno potuto utilizzare, del tutto o in parte, il titolo di viaggio. Il rimborso può avvenire: mediante l’emissione di un voucher di importo pari all'ammontare del titolo di viaggio, da utilizzare entro un anno dall'emissione; il prolungamento della durata dell'abbonamento per un periodo corrispondente a quello durante il quale non ne è stato possibile l'utilizzo.
SPORT (Artt. 216)
  1. Disposizioni in tema di impianti sportivi Prorogati di un mese, dal 31 maggio 2020 al 30 giugno 2020, la sospensione dei termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali, per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le società e associazioni sportive, professionistiche e dilettantistiche, che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato. Il termine per l’effettuazione dei versamenti sospesi è prorogato dal 30 giugno 2020 al 31 luglio 2020, con possibile rateizzazione al massimo in quattro rate mensili di pari importo a decorrere da luglio 2020.
  2. Riduzione del canone locatizio per palestre, piscine e impianti sportivi di ogni tipo Si prevede che il conduttore di palestre, piscine e impianti sportivi di ogni tipo ha diritto, per le 5 mensilità da marzo a luglio 2020, ad una corrispondente riduzione del canone locatizio che, salva la prova di un diverso ammontare a cura della parte interessata, si presume pari al 50% del canone contrattualmente stabilito.
  3. Abbonamenti a palestre e impianti sportivi durante il periodo di chiusura A seguito della sospensione delle attività sportive, i soggetti acquirenti degli abbonamenti possono presentare, entro trenta giorni dalla  data  di entrata in vigore della legge di conversione  del  decreto, istanza di rimborso del corrispettivo già versato per i periodi di sospensione dell'attività sportiva, allegando il relativo  titolo di  acquisto  o  la  prova del versamento effettuato. Il gestore dell'impianto  sportivo, entro trenta giorni dalla presentazione dell'istanza di cui al periodo precedente, in alternativa al rimborso del  corrispettivo, può rilasciare un voucher di pari valore incondizionatamente utilizzabile presso la stessa struttura entro  un anno  dalla  cessazione  delle   predette misure di sospensione dell'attività sportiva.
AGRICOLTURA, PESCA E ACQUACOLTURA  (Artt. 222, 223, 224, 225, 226)
  1. Settore agricolo, della pesca e dell'acquacoltura: un fondo emergenziale a tutela delle filiere in crisi Nello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali è istituito un fondo, denominato "Fondo emergenziale a tutela delle filiere in crisi", con una dotazione di 500 milioni di euro per l'anno 2020, finalizzato all'attuazione  di interventi di ristoro per i danni subiti dal settore agricolo, della pesca e dell'acquacoltura.
  2. Contenimento produzione e miglioramento della qualità Al fine di far fronte alla crisi di mercato nel settore vitivinicolo conseguente alla diffusione del virus COVID-19, nello stato di previsione del  Ministero   delle politiche   agricole, alimentari e forestali è stanziato l'importo di 100 milioni di euro per l'anno 2020, da destinare alle imprese viticole che si  impegnano alla riduzione volontaria della produzione di uve destinate a vini a denominazione di origine ed a indicazione geografica attraverso la pratica della vendemmia verde parziale da realizzare nella corrente campagna.
  3. Misure in favore della filiera agroalimentare Aumento dal 50% al 70% della percentuale di anticipo dei contributi PAC che può essere richiesta con la procedura ordinaria, ferma restando la possibilità di richiedere, in alternativa, l'anticipo, in pari percentuale, per il 2020 con la procedura semplificata introdotta con il DL "Cura Italia".
  4. Mutui consorzi di bonifica Via libera all'erogazione, attraverso Cassa depositi e prestiti o altri istituti finanziari, di mutui ai consorzi di bonifica, di importo complessivo non superiore a 500 milioni di euro, per lo svolgimento dei compiti istituzionali loro attribuiti. Gli interessi sono a carico del bilancio dello Stato, nel limite complessivo di 10 milioni di euro annui, corrisposti nel periodo 2021-2025, durante il quale viene restituito il capitale in rate annuali di pari importo.
  5. Fondo emergenza alimentare È destinato l'importo di  250  milioni di euro ad  integrazione delle  iniziative di distribuzione delle derrate alimentari per l'emergenza  derivante  dalla  diffusione del virus COVID-19, cui concorre il Fondo di aiuti europei agli indigenti.
AMBIENTE (Artt. 227, 229)
  1. Sostegno alle zone economiche ambientali Per sostenere le imprese che operano nelle zone economiche ambientali (ZEA) viene istituito un Fondo di 40 milioni di euro per l'anno 2020 volto a riconoscere un ulteriore contributo straordinario alle micro, piccole e medie imprese che svolgono attività economiche eco-compatibili, incluse le attività di guida escursionistica ambientale aderenti alle associazioni professionali e di guida del parco che hanno sofferto una riduzione del fatturato in conseguenza dell'emergenza determinata dalla diffusione del Covid-19.
  2. Misure per incentivare la mobilità sostenibile Un contributo fino a 500 euro per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, e di veicoli per la micromobilità elettrica quali monopattini, hoverboard e segway, o per l’utilizzo dei servizi di sharing mobility. Il “buono mobilità” potrà coprire fino al 60% della spesa sostenuta per acquistare il mezzo o il servizio. Il "buono mobilità" spetta ai maggiorenni residenti nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane, nei capoluoghi di Provincia ovvero nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti ed avrà efficacia retroattiva: potranno infatti beneficiarne quanti, avendone i requisiti, abbiano fatto acquisti a partire dal 4 maggio 2020, giorno di inizio della Fase 2. Il "buono mobilita'" può essere richiesto  per una sola volta ed esclusivamente per una delle destinazioni d'uso previste. Per maggiori informazioni sul sito del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.
ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA (Artt. 233, 236)
  1. Misure di sostegno economico all’istruzione paritaria fino ai 16 anni e al sistema integrato da 0 a 6 anni E' incrementato di 15 milioni di euro per il 2020 il Fondo nazionale per il istema integrato di educazione e di istruzione. Al fine di assicurare la necessaria tempestività nell'erogazione delle risorse, solo per l’anno 2020, in deroga alla normativa vigente, si provvede con decreto del Ministro dell'istruzione alla ripartizione del fondo.
    Ai soggetti che gestiscono in via continuativa i servizi educativi e alle istituzioni scolastiche dell'infanzia (da 0 a 6 anni) non statali è erogato un contributo complessivo di 65 milioni di euro nell'anno 2020, a titolo di sostegno economico in relazione alla riduzione o al mancato versamento delle rette a causa dalla sospensione  dei servizi in presenza a seguito delle misure adottate per contrastare la diffusione del Covid-19. Con decreto del Ministro dell'istruzione il predetto contributo è ripartito dagli uffici scolastici regionali in proporzione al numero di bambini iscritti nell'anno scolastico 2019/2020.
    Alle scuole primarie e secondarie paritarie (fino ai 16 anni) è erogato un contributo complessivo di 70 milioni di euro nell'anno 2020, a titolo di sostegno economico in relazione alla riduzione o al mancato versamento delle rette  a causa dalla sospensione  dei servizi in presenza a seguito delle misure adottate per contrastare la diffusione del Covid-19. Con decreto del Ministro dell'istruzione il predetto contributo è ripartito dagli uffici scolastici regionali in proporzione al numero di alunni fino a sedici anni di età iscritti nell'anno scolastico 2019/2020.
  2. Fondo per le esigenze emergenziali del sistema dell’università e delle AFAM VIene incrementato di 62 milioni di euro per l'anno 2020 il "Fondo per le esigenze emergenziali del sistema dell'Università, delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica e degli enti di ricerca" per iniziative a sostegno degli studenti  che necessitino di servizi o strumenti per l’accesso alla ricerca o alla didattica a distanza.
  3. Sostegno del diritto allo studio nelle università e nelle AFAM Al fine di ampliare il numero degli studenti che beneficiano dell’esonero, totale o parziale, dal pagamento dl contributo onnicomprensivo annuale, è incrementato di 165 milioni di euro il Fondo per il finanziamento ordinario delle università, e di 8 milioni di euro il fondo per il funzionamento amministrativo e didattico delle istituzioni AFAM statali. I criteri di riparto delle risorse e le modalità di definizione degli esoneri, totali o parziali, saranno definiti con decreti del Ministro dell'Università e della ricerca.
    Al fine di promuovere il diritto allo studio universitario degli studenti capaci e meritevoli, ancorché privi di mezzi, è incrementato di 40 milioni di euro per l'anno 2020 il Fondo integrativo statale per la concessione delle borse di studio.
    I dottorandi titolari di borse di studio che terminano il percorso di dottorato nell’anno accademico 2019/2020, possono presentare richiesta di proroga, non superiore a due mesi, del termine finale del corso, con conseguente erogazione della borsa di studio per il periodo corrispondente. Viene inoltre differito dal 30 settembre al 30 novembre il termine per la conclusione della
    selezione per l’ammissione ai corsi di dottorato.
    La durata degli assegni di ricerca in essere alla data del 9 marzo 2020, può essere prorogata dai soggetti conferenti l’assegno per il periodo di tempo corrispondente alla eventuale sospensione dell’attività di ricerca intercorsa a seguito delle misure di contenimento del contagio da Covid-19, qualora ciò risulti necessario ai fini del completamento del progetto di ricerca.
COESIONE TERRITORIALE (Artt. 244, 245)
  1. Credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo nelle aree del Mezzogiorno Il credito di imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo (inclusi i progetti di ricerca e sviluppo in materia di COVID-19) di cui beneficiano le imprese operanti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, è elevato:
    – dal 12 al 25% per le grandi imprese con almeno 250 persone, un fatturato annuo almeno pari a 50 milioni di euro o il cui totale di bilancio è almeno pari a 43 milioni di euro;
    – dal 12 al 35% per le medie imprese con almeno 50 persone e un fatturato annuo di almeno 10 milioni di euro,
    – dal 12 al 45% per le piccole imprese con meno di 50 persone e un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro.
  2. Resto al Sud I beneficiari della misura agevolativa “Resto al Sud” possono accedere ad un contributo a fondo perduto a copertura del loro fabbisogno di circolante pari a: 15.000 euro per le attività di lavoro autonomo e libero-professionali esercitate in forma individuale; 10.000 euro per ciascun socio, fino ad un importo massimo di 40.000 euro per ogni impresa. Per accedere al contributo, i liberi professionisti, le ditte individuali e le società, ivi incluse le cooperative, devono: aver completato il programma di spesa finanziato dalla suddetta misura agevolativa; essere in possesso dei requisiti attestanti il corretto utilizzo delle agevolazioni; avere adempiuto, al momento della domanda, agli oneri di restituzione delle rate del finanziamento bancario
SEMPLIFICAZIONE (Art. 264  )
  1. Misure che hanno un’efficacia limitata al 31 dicembre 2020 Ampliamento della possibilità per cittadini ed imprese di utilizzare le dichiarazioni sostitutive per comprovare tutti i requisiti oggettivi e soggettivi richiesti a corredo delle istanze, anche in deroga alla legislazione vigente in materia; limitazione dei poteri di autotutela delle PA attraverso l’annullamento d’ufficio, la revoca e i poteri
    inibitori in caso di SCIA; obbligo di adottare entro trenta giorni il provvedimento conclusivo del procedimento nei casi di formazione del silenzio endoprocedimentale tra amministrazioni; semplificazioni per gli interventi, anche edilizi, necessari ad assicurare l’ottemperanza alle misure di sicurezza prescritte per fare fronte all’emergenza sanitaria.
  2. Documenti già in possesso delle PA Si dispone infine che nell’ambito di verifiche, ispezioni e controlli sulle attività dei privati, la pubblica amministrazione non può richiedere la produzione di informazioni, atti o documenti in possesso della stessa o di altra pubblica amministrazione. È nulla ogni sanzione disposta nei confronti dei privati per omessa esibizione di documenti già in possesso delle PA.



Fuente de la noticia

0 comentarios

Dejar un comentario

¿Quieres unirte a la conversación?
Siéntete libre de contribuir!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *